Make your own free website on Tripod.com

SPECIALE ELEZIONI 1998-ORISTANO:
IL CANDIDATO SINDACO DEI VERDI

ELEZIONI COMUNALI 24 maggio 1998: ORISTANO

CANDIDATO ALLA CARICA DI SINDACO : ANDREA ATZORI

28 anni, giornalista pubblicista, dal 1996 e' il Portavoce della Federazione dei Verdi di Oristano.E' il candidato-sindaco piu' giovane di questa consultazione elettorale.

Collaboratore con prestigiose riviste nazionali fra le quali OASIS, BELL'ITALIA e il settimanale CUORE.Ha realizzato per il quotidiano sardo " La Nuova Sardegna" numerosi articoli in campo ambientale.

Tra le sue inchieste giornalistiche piu' note e documentate quella sull' istituzione dei Parchi naturali regionali in provincia di Oristano e sulla costruzione di una fabbrica di carbonefluido nell' area del porto industriale di Oristano.In particolare su quest'ultimo insediamento ha scoperto che colui che figura ufficialmente come progettista in realta' ha dichiarato di essere in realta' solo un prestanome: successivamente alla pubblicazione del clamoroso articolo al quotidiano sassarese e' arrivata una smentita.
Le sorprendenti dichiarazioni rese al giornalista ambientalista pero' erano state tutte registrate dalla prima all'ultima parola: dietro un finanziamento pubblico di 54 per la realizzazione di una fabbrica mai nata, emerge cosi' pubblicamente un pesante clima di mistero e intimidazioni.

Per la casa editrice Amilcare Pizzi ha collaborato alla realizzazione opera "Cabras".

Ha collaborato con diverse radio locali, (Radio Cuore, Radio B.U. e Radio Centrale)curando fra l'altro le trasmissioni in diretta radiofonica dei lavori del consiglio comunale di Oristano.Gia' corrispondente da Oristano per l'emittente televisiva Sardegna 1, obiettore di coscienza al servizio militare ha prestato il servizio civile presso l' Associazione Italia Nostra di Cabras, collaborando fra l'altro a curare la manutenzione dell' Oasi naturalistica di Seu gestita dal WWF.

Ha coordinato un Laboratorio di Educazione Ambientale per bambini delle scuole elementari presso il Comune di Arborea.Appassionato di musica latinoamericana, per alcune stagioni e' stato percussionista del gruppo musicale Nazca.

Gia' addetto stampa dei Verdi di Oristano, attualmente svolge questo incarico per l'associazione ambientalista Italia Nostra del Sinis ed e' anche attivista della sezione WWF di Oristano E' stato localmente anche viceresponsabile ed addetto stampa dell' Associazione Amnesty International, il movimento internazionale per la difesa dei diritti umani.

Ha cominciato giovanissimo ad appassionarsi alla politica , iscrivendosi a 17 anni a Democrazia Proletaria.Piu' volte delegato a Congressi Nazionali della Federazione dei Verdi, per 4 anni e' stato componente del Coordimento Regionale dei Verdi della Sardegna. Legato fin da allora alla componente ambientalista di DP, capeggiata da Ronchi e Tamino (oggi rispettivamente Ministro dell' Ambiente ed europarlamentare), nel 1990 lancio' ad Oristano, insieme all'ambientalista Tore Buschettu , un' appello per la costituzione dei Verdi Arcobaleno. Successivamente fu tra i protagonisti della fusione regionale tra i Verdi del Sole che ride e dell' Arcobaleno.


Il suo nome e' indubbiamente legato alla storica battaglia ambientalista contro la cementificazione selvaggia delle coste oristanesi.In particolare con il contributo delle associazioni ambientaliste, ha collaborato all' azione di salvaguardia delle dune e il bosco costiero di Is Arenas (Narbolia e San Vero Milis) dal cemento della speculazione immobiliare.Per cercare di eliminare la sua voce critica la societa' Is Arenas lo ha, inutilmente , citato per danni (attraverso una causa civile) , insieme al Coordinatore locale di tutte le associazioni ambientaliste.

E' Coordinatore del Comitato Internazionale per la Salvaguardia di Is Arenas al quale hanno aderito, fra gli altri, i Verdi del Brasile e della Svizzera. Insieme ad una delegazione locale del partito ha incontrato nel gennaio 1997 il Ministro dell' Ambiente Edo Ronchi chiedendone l'istituzione del Parco Marino Nazionale del Sinis-Mal Di Ventre, previsto da una legge di 16 anni fa, ma dimenticato da tutti i precedenti responsabili dello stesso dicastero.
L'area protetta e' stata istituita, con l'obiettivo di creare nuova occupazione dalla salvaguardia delle inestimabili risorse marine del Sinis, attraverso un Decreto dello stesso Ministro del 12 dicembre 1997.

-il programma dei Verdi per Oristano
-i candidati dei Verdi per Oristano
-la rassegna stampa
-home page dei Verdi di Oristano

VUOI MANDARE UNA RICHIESTA AL CANDIDATO SINDACO
DI ORISTANO PER I VERDI?

CLICCA QUI, TI RISPONDEREMO